Sintesi dell’economia del Vietnam nel 2023

Posted by Written by Reading Time: 4 minutes

A soli 10 giorni dal Natale ripercorriamo gli eventi chiave che hanno plasmato l’ambiente imprenditoriale del Vietnam nel 2023.

Per il Vietnam è stato un grande anno per molti aspetti. Figure di alto profilo, tra cui Westlife e Blackpink, hanno visitato il Paese, così come il presidente degli Stati Uniti e il suo omologo della Repubblica popolare cinese.

Ma mentre il potere delle star ha visto più volte questa nazione emergente del sud-est asiatico nei titoli dei giornali mondiali, il 2023 non è stato tutto spettacoli pop, pranzi e cene con dignitari stranieri. L’anno 2023, nel complesso, è stato un anno di sfida per il Vietnam, anche se con un’importante precisazione: per le aziende straniere è stata un’esperienza nettamente diversa rispetto alle loro controparti vietnamite. In effetti, forse mai prima d’ora le due velocità (investimenti esteri contro investimenti interni) dell’economia vietnamita sono state così chiare ed evidenti. Nel 2023, le imprese locali di diversi settori hanno chiuso a causa delle difficoltà di accesso al capitale, mentre gli investimenti diretti esteri (IDE) hanno continuato a portare avanti una miriade di progetti a suon di cifre record in dollari USA. Nel complesso, l’anno 2023 è stato altalenante per il Vietnam. Vediamo come.

Immobili

Quest’anno, ad esempio, il settore immobiliare locale ha attraversato momenti difficili. Sulla scia delle nuove normative sul mercato obbligazionario che hanno reso difficile, tra l’altro, l’accesso al capitale, le aziende sono state costrette a sospendere il lavoro su una serie di progetti in tutto il Paese. Questo, a sua volta, ha portato a un calo della fiducia dei consumatori, un secondo colpo al settore. I regolamenti sulle obbligazioni sono stati successivamente sospesi, ma il danno era già stato fatto e il settore si sarebbe ritrovato a malapena a camminare per il resto dell’anno. (Vedi: Spiegazione delle turbolenze del mercato immobiliare vietnamita).

Al contrario, però, dove le società immobiliari nazionali erano in difficoltà, le società immobiliari straniere hanno visto un’opportunità. Grandi nomi del settore immobiliare come CapitalLand, Marubeni Corporation e Gamuda, rispettivamente di Singapore, Giappone e Malesia, hanno dichiarato le loro intenzioni di e/o lanciare nuovi progetti nel Paese. Questo ha gettato un’ancora di salvezza tanto necessaria a molte delle società immobiliari del Vietnam ed è stata una grande opportunità per gli investitori stranieri. In vista del 2024, dato che il settore continua a essere in difficoltà, è probabile che si verifichino altre fusioni e acquisizioni.

Manifatturiero

Allo stesso modo, nel settore manifatturiero le aziende locali hanno subito un duro colpo. L’abbigliamento e il tessile, in particolare, hanno registrato un forte calo degli ordini e di conseguenza il fatturato è crollato. Un certo numero di aziende sono state costrette a licenziare i lavoratori, per lo più a Ho Chi Minh City e dintorni. In un caso recente, Garmex Saigon Corporation, che solo tre anni fa aveva 4.000 lavoratori, ha rivelato di aver perso la sua forza lavoro al punto che erano rimasti solo 37 dipendenti. Gli ordini semplicemente non arrivavano, , e questo è stato un dato comune in tutto il settore. In effetti, alla fine di novembre le esportazioni di tessuti e abbigliamento sono diminuite di un enorme 12,3% su base annua. Al contrario, le esportazioni nel complesso sono andate molto meglio, ancora in calo rispetto all’anno scorso, ma non così tanto (5,8% nei primi 11 mesi dell’anno). Da notare che il 73,4% delle esportazioni del Vietnam è stato agevolato da imprese a capitale straniero, che hanno registrato un surplus commerciale di 43,49 miliardi di dollari. Le imprese locali hanno rappresentato il restante 26,6% e hanno registrato un deficit commerciale di 19,05 miliardi di dollari.

Elettricità

Quest’anno ci sono stati molti grandi movimenti nel settore dell’elettricità in Vietnam. Il Power Development Plan 8, a lungo ritardato,  è stato finalmente approvato, scatenando l’entusiasmo del settore delle energie rinnovabili, poiché le aziende hanno finalmente ottenuto il quadro di riferimento di cui avevano bisogno per iniziare a pianificare gli investimenti futuri.

Inoltre, proprio la scorsa settimana, in occasione della Conferenza delle Parti 28 (COP28 negli Emirati Arabi Uniti) è stata annunciata la prima fase dell’accordo di partenariato per la transizione energetica, una tabella di marcia degli investimenti denominata Resource Mobilisation Plan. Sebbene non fosse tutto ciò che i partner e il Vietnam avevano sperato, si tratta comunque di un passo nella giusta direzione, dato che il Vietnam ha un estremo bisogno di più energia.

In effetti, in piena estate 2023, la carenza di energia elettrica ha attanagliato il Vietnam settentrionale senza fare distinzioni. Un certo numero di grandi nomi ha riferito di operazioni limitate a causa delle interruzioni di corrente, comprese le strutture di proprietà di Samsung, Foxconn e Canon (vedi: Vietnam’s Electricity Sector: Challenges and Prospects for Foreign Investment).

Ciò ha rappresentato un problema per ovvie ragioni, e più di un osservatore astuto ha suggerito che ciò avrebbe potuto influire sui futuri afflussi di IDE. Ciò non è ancora accaduto, e gli IDE in Vietnam hanno raggiunto livelli record.

Investimenti diretti esteri

Nel 2022, il Vietnam ha registrato afflussi di IDE per un importo di 27,72 miliardi di dollari. Al 20 novembre di quest, con un aumento del 14,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questo risultato è stato reso ancora più significativo nel contesto di una maggiore recessione economica globale. Questi afflussi hanno riguardato tutto, dal settore immobiliare, alla produzione e trasformazione, al settore bancario. La Sumimoto di Apan ha annunciato a marzo che avrebbe conferito 1,5 miliardi di dollari per una partecipazione del 15% nella VP Bank del Vietnam. Questo è stato uno dei maggiori investimenti, ma ci sono state molte altre operazioni molto importanti: la società cinese Luxshare-ICT ha annunciato di voler investire altri 330 milioni di dollari nella provincia vietnamita di Bac Giang e la CapitaLand di Singapore ha annunciato di voler investire 740 milioni di dollari in un progetto residenziale ad Hanoi.

Cosa aspettarsi dal 2024

Guardando al futuro, il Vietnam è chiaramente in una buona posizione per continuare a raccogliere lavori manifatturieri dal suo vicino settentrionale, poiché le aziende straniere cercano la sicurezza della catena di approvvigionamento attraverso la diversificazione regionale. È anche molto probabile che ci saranno maggiori investimenti immobiliari e progetti guidati da aziende straniere. Detto questo, nell’ultimo Outlook dell’ADB la crescita del PIL vietnamita è stimata intorno al 6% per l’anno prossimo, il che non è affatto male, ma non così buona come prima del COVID. Inoltre, ciò dipenderà in gran parte dagli eventi che si svolgeranno in altre parti del mondo. In particolare, l’inflazione negli Stati Uniti e nell’UE, insieme alle conseguenti decisioni di politica monetaria, ha esercitato un impatto significativo sull’economia vietnamita per tutto quest’anno e si prevede che continuerà nel prossimo. Queste sfide, tuttavia, sembrano essere solo temporanee. Nel complesso, il Vietnam è in una buona posizione per continuare a produrre numeri di crescita accettabili: la sua forza lavoro è ancora giovane, e i salari sono ancora competitivi a livello regionale e così rimarranno per un po’ di tempo a venire. Le aziende che desiderano stabilire operazioni in Vietnam potrebbero scoprire che il 2024 è il momento perfetto per farlo.